Percorso : HOME > Iconografia > Cicli > Settecento > Novacella

CICLo AGOSTINIANo di Matthaus Gunther a Novacella

L'Abbazia agostiniana di Novacella, Tavola ad olio (1700 circa)

L'Abbazia agostiniana di Novacella

 

 

MATTHAUS GUNTHER

1736

Chiesa di Novacella

 

Episodi della Vita di sant'Agostino

 

 

 

Gli affreschi sono opera di Matthaus Gunther (1705-1788), uno dei migliori interpreti dell'arte rococ˛ in Baviera. Da giovane aveva frequentato la scuola per stuccatori di Wessobrunn dove avevano lavorato maestri francesi e italiani. Gunther subý l'influenza anche di Pozzo e Tiepolo con cui aveva lavorato a Wurzbourg. Nel 1731 diventa maestro e nel 1767 succede a Bergmuller come direttore dell'Accademia di Augsburg. La sua attivitÓ si svolse soprattutto fra Tirolo e Baviera dove decor˛ pi¨ di venti chiese. Gli agostiniani si rivolsero a lui per decorare con cicli della vita del santo le nuove chiese settecentesche: cosý lo ritroviamo oltre che a Novacella nel 1736 e 1740, anche a Rottenbuch nel 1742 e a Indersdorf nel 1754. Le sue prospettive sono grandiose e certamente va ricordato come uno dei pittori pi¨ creativi e pi¨ originali della Germania del sud nel Settecento.

 

L'interno della Chiesa dell'Abbazia agostiniana di Novacella

L'interno della chiesa

Il Monastero

La fondazione del monastero di Novacella risale all'anno 1142, quando i ministeriali del Capitolo di Bressanone Reginbert di Saben e la consorte Cristina misero a disposizione del vescovo i loro averi per edificare il convento. A novembre del 1142 furono inaugurati la chiesa e il piccolo convento annesso alla presenza del clero e di numerosi membri della aristocrazia terriera tirolese. Il vescovo Hartmann consacr˛ il monastero a Maria delle Grazie (monasterium S. Mariae ad gratias), mentre l'imperatore Federico Barbarossa, di cui Hartmann era consigliere spirituale, concesse un diploma di privilegio e di protezione.

 

MATTHAUS GUNTHER 1705-1788

Tipico affreschista rococ˛ della Germania meridionale, nato ad Unterpeissenburg presso Wessobrunn, in Baviera, Matthaus Gunther fu probabilmente educato nella seconda localitÓ, allora sede di una scuola di pittura ad affresco. Successivamente Gunther si rec˛ a Monaco ed entr˛ nella bottega di un rinomato pittore, Cosmas Damian Asam, del quale fu per cinque anni assistente ed aiuto nell'esecuzione di alcuni affreschi. Nel 1731 partý per Augsburg dove si spos˛ ed aperse una bottega indipendente, assumendovi le funzioni di maestro. Secondo gli usi del tempo, egli trascorreva l'estate nelle diverse localitÓ nelle quali dipingeva ad affresco, mentre d'inverno tornava al suo lavoro di bottega in Augsburg, eseguendovi pale d'altare e bozzetti o studi ad olio degli affreschi che gli erano commessi e che avrebbe realizzati nella stagione successiva. Dapprima, come nei suoi giovanili affreschi di Sterzing, nel Tirolo, (1733) le sue decorazioni architettoniche si presentavano un po' pesanti, ma ben presto, alleggerendo il tessuto cromatico con l'innesto di una gamma di toni argentei, sia le figure che gli sfondi architettonici acquisirono una leggerezza tipicamente rococ˛.

Verso la fine del quinto decennio del secolo egli spesso soppresse tali incorniciature per conferire maggiore libertÓ ed asimmetria alla composizione. Fu in tale periodo ch'egli lavor˛ ad Amorbach ed ebbe la possibilitÓ di studiare direttamente alcune tra le ultime opere di uno dei maggiori pittori italiani del Rococ˛, Giovan Battista Tiepolo. Da tale esperienza deriv˛ a Gunther una pittura ancor pi¨ ariosa e leggera anche sotto il profilo cromatico. Malgrado la spietata concorrenza di altri cospicui rappresentanti della fiorente scuola pittorica della Germania del Sud, le commissioni piovevano nella sua bottega e provenivano dai grandi monasteri della Baviera e della Svevia, nonchŔ da alcuni ragguardevoli committenti privati. Gunther fu eletto condirettore dell'Accademia di Augsburg nel 1762 e conserv˛ tale incarico per ventidue anni; morý nel 1788, due anni dopo la scomparsa del suo unico figlio.