Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Quattrocento: Antonio Vivarini

PITTORI: Antonio Vivarini

Polittico della Certosa: La Vergine e santi

Polittico della Certosa: La Vergine e santi

 

 

ANTONIO VIVARINI e BARTOLOMEO VIVARINI

1450

Bologna, Pinacoteca Nazionale

 

Polittico della Certosa: La Vergine e santi

 

 

 

 

La Tavola nel suo insieme misura 393 x 263 cm. e reca la scritta: "AN. DNI. MCCCCL. HOC. OP. IN. CEPTVM. FVIT. ET. PERFECTVM. VENETIIS. AB. ANTONIO./ ET. BARTOLOMEO. FRIB. DE. MVRANO NI V░. POT. MAX░. OB. MONVMETVM. R. P. D. NI. CAR. OLI S. + ". Nell'ordine inferiore al centro sta la Madonna in trono adorante il Bambino, a sinistra sant'Agostino e San Girolamo, a destra i Santi Giovanni Battista e Nicola; nell'ordine superiore al centro Cristo in PietÓ tra due angeli, a sinistra i Santi Pietro e Gregorio Magno a destra Petronio e Paolo. Cominciata e finita a Venezia nel 1450, l'opera fu donata alla chiesa di san Gerolamo alla Certosa di Bologna da papa Niccol˛ V con l'intenzione di commemorare il servizio del Cardinale Albergati, poi beato. E' il primo lavoro ufficialmente nato dalla collaborazione tra Antonio e Bartolomeo Vivarini. Di Bartolomeo sarebbe il sant'Agostino.

Alcuni critici mettono in dubbio l'attribuzione di sant'Agostino: il nome suggerito Ŕ quello di Niccol˛ Albergati, che si accompagnerebbe a San Girolamo protettore della Certosa di Bologna, a San Giovanni Battista protettore universale dei certosini e a San Nicola di Bari, omonimo giustapposto all'estremitÓ destra. Toscano (1987) ritiene invece corretta l'identificazione con San Lorenzo Giustiniani: eletto patriarca di Venezia da Niccol˛ V, sarebbe stato proprio lui ad orientare la scelta sui due muranesi.

Numerose sono le opere in cui i due artisti hanno dato una raffigurazione del santo di Ippona: qualche volta Ŕ presente da solo, pi¨ spesso con altri santi. Lo ricordiamo ad esempio nella Incoronazione della Vergine in S. Pantalone a Venezia, opera del 1444 in collaborazione con Giovanni d'Alemagna, in una Madonna e Santi alla Galleria dell'Accademia di Venezia (1446), nel polittico della Certosa della Pinacoteca Nazionale di Bologna del 1450-1460 circa (riprodotto a fianco). Altri esempi sono noti in uno degli scomparti minori del Polittico in Santa Maria Vetere di Andria, e poi in pannelli di predella: il Matrimonio di Santa Monica (Galleria dell'Accademia a Venezia), la Nascita di Agostino (Courtauld Institute a Londra), Monica converte il marito Patrizio morente (Institute of Art di Detroit), Apparizione dell'angelo (Milano, Collezione privata) e il Battesimo del Santo (Accademia Carrara di Bergamo).