Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > cento: Jacob Jordaens

PITTORI: Jacob Jordaens

Allegoria degli insegnamenti di Sant'Agostino

Allegoria degli insegnamenti di Sant'Agostino

 

 

JACOB JORDAENS

1655-1660

Aschaffenburg, Pinacoteca di Schlo▀ Johannisburg

 

Allegoria degli insegnamenti di Sant'Agostino

 

 

 

Questa originale opera di Jordaens, di cui si conosce un bozzetto preparatorio, raffigura quella che si potrebbe definire una allegoria degli insegnamenti di sant'Agostino. Jordaens la realizz˛ fra il 1655 e il 1660. Agostino Ŕ stato dipinto in primo piano con un volto da vegliardo, piuttosto corpulento nelle fattezze e alquanto espressivo nello sguardo che rivolge allo spettatore. Nella mano sinistra regge un grosso libro con una elegante rilegature, mentre con l'indice della mano destra vuole indicare l'azione del giovane che gli sta accanto. In testa Agostino porta la corona d'alloro poetica, come il ragazzo riccioluto che con una lampada nella mano sinistra, con la mano destra impugna un bastoncino o forse uno stilo che accosta ad un cuore fiammante posto entro un calice. Il prezioso calice poggia a sua volta su un basamento dalle fattezze eleganti e ben curate. la scena si svolge in un ambiente chiuso, quasi in penombra, che riesce a esaltare le figure dei due personaggi principali illuminati da una buona luce.

 

Jacob Jordaens

Nacque ad Anversa nel 1593. Pittore fiammingo fra i maggiori del Seicento, fu allievo, con Pieter Paul Rubens, del pittore manierista Adam Van Noort, con il cui concorso riuscý ad essere ammesso alla gilda dei pittori di Anversa. Il padre di Jordaens era un commerciante di tessuti o di sete e la sua famiglia apparteneva alla borghesia pi¨ agiata. La casa di famiglia si trovava nell'Hoogstraat (la via alta), una delle vie pi¨ conosciute di Anversa per il commercio dei panni. Nel 1616 spos˛ Catharina, la figlia minore del suo maestro Adam van Noort, di quattro anni pi¨ anziana di lui. Dal matrimonio nasceranno tre figli: Elisabeth (1617), Jacques (1625) e Anne Catherine (1629). Jordaens non riuscý mai a realizzare il desiderio di viaggiare in Italia, una mancanza di cui si dolse per tutta la vita. La sua arte fu comunque fortemente influenzato dalle opere dei grandi artisti del Cinquecento italiano quali Paolo Veronese, Tiziano, Jacopo Bassano nonchÚ dai suoi contemporanei Domenichino e Caravaggio. La sua formazione manierista mut˛ nel tempo fino ad accostarsi alla moda di Rubens, da cui si distacca tuttavia per la maggiore impetuositÓ e per l'amore verso le atmosfere paesane e domestiche. Morý ad Anversa nel 1678 dopo essersi convertito al calvinismo.