Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Seicento: Imitatore di Rubens Peter Paul

PITTORI: Imitatore di Rubens Peter Paul

Trionfo dell'Eucarestia ovvero i Difensori del dogma dell'Eucaristia

Trionfo dell'Eucarestia ovvero i Difensori del dogma dell'Eucaristia

 

 

IMITATORE DI RUBENS PETER PAUL

1630-1640

New York City, Asta Christie's del 30 gennaio 2013

 

Trionfo dell'Eucarestia ovvero i Difensori del dogma dell'Eucaristia

 

 

 

Il quadro, opera di un anonimo artista, riproduce abbastanza fedelmente, ma in dimensioni ridette, una analoga opera che Rubens realizz˛ a Madrid per le monache della chiesa delle Salesas Reales. Il soggetto spagnolo appartiene ad una serie di tele con tema il trionfo dell'Eucarestia. Si tratta di uno degli incarichi pi¨ importanti ricevuti dall'artista. Pieter Paul Rubens dipinse la serie completa nel 1625. Rubens prepar˛ i bozzetti, per un totale di quindici grandi arazzi tutti dedicati al Trionfo dell'Eucarestia, e destinati al convento madrileno delle Carmelitane scalze su commissione dell'arciduchessa Isabella. Sei di queste realizzazioni si trovano al Museo del Prado.

Questo quadro dipinto a olio Ŕ stato posto all'asta a New York nel 2013 da Christie ed ha la forma di un rettangolo orizzontale delle dimensioni 48 x 61 cm. L'opera precedentemente apparteneva alla collezione privata londinese di Frederick A. Szarvasky (1948-1950) che la mise all'asta a Londra da Christie il 17 novembre 1950 al lotto n. 39.

Il tema del Trionfo dell'Eucarestia o Trionfo della Chiesa fu affrontato da vari artisti, fra cui ricordiamo Raffaello nel 1509 e situato nella Stanza della Segnatura, una delle quattro Stanze Vaticane.

Su vari registri sono raffigurate la Chiesa militante, nella parte inferiore, e la Chiesa trionfante, in quella superiore. Il dipinto Ŕ dedicato quindi alla teologia, disciplina attraverso la quale l'anima pu˛ arrivare alla veritÓ nel campo della fede.

Fra i personaggi che Rubens raffigur˛ troviamo i Dottori della Chiesa: Agostino si trova a sinistra con i paramenti episcopali, accanto ad Ambrogio e san Gregorio papa, riconoscibile per la tiara. All'estrema destra se ne sta in piedi Gerolamo che legge un libro. Nel registro superiore la colomba dello Spirito santo collega idealmente i due registri unendo il terreno con il divino.

Gli altri personaggi raffigurati sono san Norberto fondatore dei Premostratensi e arcivescovo di Magdeburgo, san Tommaso d'Aquino teologo domenicano, detto il "Dottore angelico" e santa Chiara vergine e fondatrice dell'Ordine delle Clarisse.

Come insegna la teologia cattolica, presente Ŕ Ges¨ nel Sacramento, per dare, mistico Pane del Cielo, la vita superiore al nostro povero mondo, perpetuando il miracolo dei vergini e dei casti, il miracolo di chi non ha nulla e tutto possiede, i miracoli di quella fraterna caritÓ, che tutti i mali e le offese sopporta con serena fortezza e nulla pensa di aver fatto fin che resta davanti a lei qualche rosa da compiere. Questi i prodigi dell'Eucaristia; che pertanto ci si rivela quale fu annunziata da Ges¨ nella sua grande promessa, realtÓ centrale della sua religione, della vita e della pietÓ cristiana, avendo egli sentenziato : ź Se non mangerete la carne del Figliuolo dell'uomo e non berrete il suo sangue, non avrete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue, ha la vita eterna ed io lo risusciterÓ nell'ultimo giorno ╗ (Io. 6, 53-54).

 

 

Peter Paul Rubens

Nato in Germania nel 1577, dove il padre - un ricco anversese che aveva abbracciato la religione calvinista - si era rifugiato, Rubens riceve i primi rudimenti dell'arte a Colonia, ma la sua vera formazione avviene ad Anversa. Nel 1598 si iscrive alla Gilda di san Luca, la corporazione dei pittori della cittÓ. Due anni dopo parte per l'Italia. Arrivare a Venezia e Roma nell'anno 1600 significa la svolta decisiva nella sua carriera. Copia i maestri nordici, ma vi affianca i pittori italiani e soprattutto Tiziano. Nel 1608 lascia l'Italia per Anversa dove raggiunge l'apice della scuola locale. Dal 1620 gira per le capitali europee fino alla morte, sopravvenuta nel 1640.