Percorso : HOME > Sant'Agostino > La vita > I Vandali

LA VITA DI SANT'AGOSTINO: i Vandali invadono l'Africa

Resti della Basilica romana di Ippona

Resti della Basilica romana di Ippona

 

 

L'Africa Ŕ invasa dai Vandali

 

 

 

Intanto gravi avvenimenti politici minacciano l'Occidente; l'Africa vi Ŕ coinvolta. Il conte Bonifacio, che Ŕ di fatto il governatore di tutta l'Africa, Ŕ invitato dalla Corte imperiale a difendersi da alcune accuse. Egli si rifiuta e sfida gli eserciti imperiali, mandati l'uno dopo l'altro contro di lui. Nel 428 entrano ad Ippona le truppe di Segisvulfo di fede ariana. Agostino si trova minacciato da una parte dall'eresia, dall'altra vede in pericolo la salvezza di Ippona dalla guerra e dalla distruzione.

APPROFONDIMENTO

La guerra Vandala

V-VI secolo d. C.

 

 

Deve riuscire a convincere Bonifacio a desistere dalla guerra, ma non c'Ŕ nulla da fare. Anzi Bonifacio per salvarsi chiede aiuto ai Vandali di Spagna. L'Africa Ŕ troppo bella: i Vandali accettano e Genserico col suo esercito irrompe in Africa. Agostino Ŕ costernato: prega, conforta, consiglia, predica, scrive; solo Ippona, Cirte e Cartagine si salvano dalla distruzione totale. Ippona Ŕ ben fortificata: si spera nella resistenza e nella salvezza. Agostino raccoglie intorno a sŔ i sacerdoti, i capi del popolo e quelli della resistenza; a tutti dona il pi¨ fulgido esempio di grandezza d'animo e di coraggio, rincuorando e consigliando i generali, pregando, confidando in Dio.

Al terzo mese di assedio non ne pu˛ pi¨: l'agitazione, la stanchezza, la febbre lo vincono. Deve mettersi a letto: Ŕ l'ultima malattia. Gli abitanti di Ippona non lo vedono pi¨ col piede stanco andare in basilica; non lo odono pi¨ nei suoi meravigliosi discorsi.