Percorso : HOME > Iconografia > Cicli iconografici agostiniani > Quattrocento > Bedford

Biblioteca Nazionale di Parigi lat. 17294: BREVIARIO DI BEDFORD

Agostino malato giace a letto nella propria stanza: Breviario di Bedford alla Biblioteca Nazionale di Parigi lat. 17294

Agostino malato giace a letto nella propria stanza

 

BREVIARIO DI BEDFORD

Biblioteca Nazionale di Parigi lat. 17294

(1424-1435)

 

Agostino ammalato

 

 

 

Il racconto degli ultimi momenti della vita di Agostino si trova in alto alla colonna di testo, ma il pittore non vi ha attinto particolari per caratterizzare la scena. Il malato, dai tratti sofferenti, Ŕ sotto le coperte nel proprio letto, col cappello in testa e la camicia. Una tavola ai piedi del letto Ŕ coperta da un drappo bianco e un grazioso paesaggio Ŕ ricamato dietro la finestra a destra. La tappezzeria rossa e la copertura blu bordata d'oro delle coperte, il baldacchino rosa, compongono una serena armonia di colori da cui si stacca il bianco busto di Agostino.

 

 

31. 2. In tal modo egli si comport˛ nella sua ultima malattia: fece trascrivere i salmi davidici che trattano della penitenza -sono molto pochi - e fece affiggere i fogli contro la parete, cosý che stando a letto durante la sua infermitÓ li poteva vedere e leggere, e piangeva ininterrottamente a calde lacrime.

31. 3. PerchÚ nessuno disturbasse il suo raccoglimento, circa dieci giorni prima di morire, disse a noi, che lo assistevamo, di non far entrare nessuno, se non soltanto nelle ore in cui i medici entravano a visitarlo o gli si portava da mangiare. La sua disposizione fu osservata, ed egli in tutto quel tempo stette in preghiera.

31. 4. Fino alla sua ultima malattia predic˛ in chiesa la parola di Dio ininterrottamente, con zelo e con forza, con luciditÓ e intelligenza.

31. 5. Conservando intatte tutte le membra del corpo, sani la vista e l'udito, mentre noi eravamo presenti osservavamo e pregavamo, egli - come fu scritto - si addorment˛ coi suoi padri, in prospera vecchiaia (1 Re, 2, 10). Per accompagnare la deposizione del suo corpo, fu offerto a Dio il sacrificio in nostra presenza, e poi fu sepolto.

Possidio, Vita Augustini, 31, 2-5