Percorso : HOME > Iconografia > Cicli > Seicento > Giuseppe Guasparini

CICLo AGOSTINIANo DI GUASPARINI DI UMBERTIDE A Cortona

La vestizione di Agostino nel chiostro del convento agostiniano di Cortona

La vestizione di Agostino

 

 

GUASPARINI GIUSEPPE

1669

Chiostro del convento di S. Agostino a Cortona

 

Vestizione di Agostino

 

 

 

La legenda esplicativa recita attualmente: VESTE L'ABITO TALARE. Nelle stampa di Schelte invece veniva riportato: Lavacro salutari suscepto, Augustinus spem omnem quam habebat in saeculo dereliquit; mox nigro indutus cucullo a Simpliciano pellicea zona praecingitur Deique servus nuncupatur. Rispetto alla stampa di Schelte Guasparini ha eliminato un particolare della scena e cioŔ l'estasi di Ostia che in origine si trovava discosta dietro l'episodio della vestizione. Alla finestra che si apriva sul mare il pittore ha sostituito un grande tendaggio giallo e azzurro che ricorda la marina, Dopo il XIV secolo la scena della vestizione Ŕ stata molto cara agli Eremitani che la predilessero come un momento di identificazione per l'intero ordine. Agostino in ginocchio davanti all'altare Ŕ rivestito del saio da un frate che gli dona anche la cintura per affrancare l'abito ai fianchi. Sul lato destro un vescovo, forse Ambrogio, assiste alla scena della vestizione del santo con l'abito dei monaci eremitani.

 

2. 1. Subito nel pi¨ intimo del cuore abbandon˛ ogni speranza che aveva riposto nel mondo, senza pi¨ ricercare moglie nÚ figli della carne nÚ ricchezza, nÚ onori mondani, ma deliber˛ di servire Dio insieme con i suoi, studiandosi di essere di quel gregge, cui il Signore si rivolge con queste parole: Non temete, piccolo gregge, perchÚ il Padre vostro ha voluto dare a voi il regno. Vendete ci˛ che possedete e fate elemosina: fatevi borse che non invecchiano, un tesoro che non viene meno nei cieli, ecc. (Lc. 12, 32 s.).

2. 2. Quel santo uomo desiderava fare anche quanto dice ancora il Signore: Se vuoi essere perfetto, vendi tutto ci˛ che hai e dallo ai poveri e avrai un tesoro nei cieli, e vieni, seguimi (Mt. 19, 21). Desiderava edificare sul fondamento della fede: non legna fieno e paglia, ma oro argento e pietre preziose (1 Cor. 3, 12).

POSSIDIO, Vita Augustini, 2, 1

 

 

PSEUDO AGOSTINO, Ad fratres in heremo, Sermo XXVII

 

PSEUDO AMBROGIO, Sermo de baptismo et conversione s. Augustini, 1623