Percorso : HOME > Iconografia > Cicli > Settecento > Weyarn

CICLo AGOSTINIANo di Zimmermann a Weyarn

La chiesa parrocchiale di Weyarn

La chiesa parrocchiale di Weyarn

 

 

JOHANN BAPTIST ZIMMERMANN

1729

Chiesa parrocchiale di S. Pietro e Paolo a Weyarn

 

Episodi della Vita di sant'Agostino

 

 

 

Johann Baptist Zimmermann (1680 a Gaispoint vicino a Wessobrunn - 1758 a Monaco di Baviera) Ŕ stato un pittore e stuccatore tedesco vissuto in piena etÓ barocca. Come il fratello Dominikus Zimmermann discende da una famiglia di artisti della Scuola Wessobrunner. Lavor˛ come pittore di corte a Monaco, ma fu soprattutto un decoratore di interni di chiese; l'invenzione del modello della decorazione interna delle chiese svevo-bavaresi, splendenti di colori luminosi, si deve quasi esclusivamente a Zimmermann. Collabor˛ spesso con il fratello Dominikus (Wessobrunn 1685-Wies 1766) che inizi˛ la carriera come stucchista ma divenne poi uno dei maggiori architetti tedeschi del periodo. Le due opere pi¨ celebri a cui lavorarono insieme sono le decorazioni dei santuari di Steinhausen (1727-33) e di Wies (1746-54). Il primo santuario Ŕ stato descritto come la prima chiesa interamente rococ˛ della Baviera, mentre il secondo, la cui facciata, semplice e bianca, nasconde un interno ricco di decorazioni dorate e di ariose visioni in colori pastello, segna uno dei punti pi¨ alti del rococ˛ in Baviera. A Johann Baptist si devono gli affreschi dei soffitti di entrambi i santuari. La sua opera migliore come stucchista Ŕ l'apparato decorativo dell'Amalienburg, il padiglione di caccia dello Schloss Nymphenburg di Monaco (1734-39). Altri membri della famiglia Zimmermann furono pittori e stucchisti.

La chiesa parrocchiale di Weyarn, un piccolo paese a sud di Monaco, conserva un bel ciclo agostiniano commissionato dai Canonici agostiniani. Gli edifici attuali furono ricostruiti a nuovo fra il 1687 e il 1695 dall'architetto Lorenzo Sciasca quando era priore Gelasius Herloss. La decorazione della chiesa fu intrapresa nel 1729 in occasione dei 600 anni di fondazione della abbazia. Gli affreschi furono eseguiti da Johann Baptist Zimmermann (1680-1758) che in quel periodo era all'apice della carriera.

 

 

Annesso alla chiesa esisteva un monastero agostiniano che come molti altri nel Seicento conobbe una grave crisi. Dal 1596 al 1651 i monaci si presero carico, oltre alla parrocchia che giÓ tenevano dall'etÓ medioevale, di altre quattro parrocchie. Nel 1607 tuttavia c'erano solo sette membri che lavoravano nelle parrocchie. Verso la fine del Settecento i monaci reggevano ancora le cinque parrocchie ed erano in continua crescita grazie anche all'attivitÓ spirituale della Diocesi di Frisinga.

L'influenza della Diocesi sul monastero grazie a una convenzione del 1768 non ha ostacolato lo sviluppo Weyarn. Lo sviluppo interno del monastero fu favorito dalle mediazioni del vescovo che risolse parecchi dei conflitti interni.

L'acquisizione delle parrocchie fu uno dei passaggi cruciali per il consolidamento economico del monastero, il cui edificio all'inizio del XVII secolo Ŕ ancora in pessime condizioni.

Dal XVIII secolo vengono raccolti sempre pi¨ benefici delle parrocchie, che si intrecciano armonicamente nell'economia del monastero e permettono di contribuire ad un aumento significativo del tenore di vita dei canonici. Ancora nel 1803 il monastero era fra i dieci pi¨ grandi monasteri bavaresi.

Dal 1630 i monasteri cessano di essere luoghi di formazione del clero e dei monaci e, a conclusione di questo processo, nel 1672 Ŕ un incaricato della Commissione episcopale a valutare i candidati che devono avere completato la scuola secondaria superiore. La provenienza dei monaci era prevalentemente contadina, mentre il Seminario viene istituito e gestito sul modella di una scuola superiore d'elite sul modello dei Gesuiti. Il compito principale dei canonici agostiniani non Ŕ stato tuttavia quello dell'educazione, ma piuttosto quello della cura pastorale e dei pellegrinaggi.

Dopo la crisi socio-politica dell'etÓ dei Lumi e della Rivoluzione francese a Weyarn restarono pochi canonici che vissero pi¨ a stretto contatto. La secolarizzazione incipiente non fu per Weyarn il naturale punto di arrivo di una parabola discendente, ma l'improvvisa e inaspettata fine di una storia di successo.

 

 

Johann Baptist Zimmermann

Johann Baptist Zimmermann (nato nel 1680 a Gaispoint vicino a Wessobrunn e morto nel 1758 a Monaco di Baviera) Ŕ stato un pittore e stuccatore tedesco vissuto in piena etÓ barocca. Come il fratello Dominikus Zimmermann discende da una famiglia di artisti della Scuola Wessobrunner. Lavor˛ come pittore di corte a Monaco, ma fu soprattutto un decoratore di interni di chiese; l'invenzione del modello della decorazione interna delle chiese svevo-bavaresi, splendenti di colori luminosi, si deve quasi esclusivamente a Zimmermann. Collabor˛ spesso con il fratello Dominikus (Wessobrunn 1685-Wies 1766) che inizi˛ la carriera come stucchista ma divenne poi uno dei maggiori architetti tedeschi del periodo. Le due opere pi¨ celebri a cui lavorarono insieme sono le decorazioni dei santuari di Steinhausen (1727-33) e di Wies (1746-1754). Il primo santuario Ŕ stato descritto come la prima chiesa interamente rococ˛ della Baviera, mentre il secondo, la cui facciata, semplice e bianca, nasconde un interno ricco di decorazioni dorate e di ariose visioni in colori pastello, segna uno dei punti pi¨ alti del rococ˛ in Baviera. A Johann Baptist si devono gli affreschi dei soffitti di entrambi i santuari. La sua opera migliore come stucchista Ŕ l'apparato decorativo dell'Amalienburg, il padiglione di caccia dello Schloss Nymphenburg di Monaco (1734-1739). Altri membri della famiglia Zimmermann furono pittori e stucchisti.

La chiesa parrocchiale di Weyarn, un piccolo paese a sud di Monaco, conserva un bel ciclo agostiniano commissionato dai Canonici agostiniani. Gli edifici attuali furono ricostruiti a nuovo fra il 1687 e il 1695 dall'architetto Lorenzo Sciasca quando era priore Gelasius Herloss. La decorazione della chiesa fu intrapresa nel 1729 in occasione dei 600 anni di fondazione della abbazia. Gli affreschi furono eseguiti da Johann Baptist Zimmermann (1680-1758) che in quel periodo era all'apice della carriera.