Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Novecento: JÓnos Hajnal

PITTORI: JÓnos Hajnal

Agostino e la madre Monica: l'estasi di Ostia

Agostino e la madre Monica: l'estasi di Ostia

 

 

JANOS HAJNAL

1993

Roma, Curia Generalizia Domenicani

 

Agostino e la madre Monica: l'estasi di Ostia

 

 

 

 

La scena Ŕ famosissima e si riferisce a un passo delle Confessioni (libro IX) che precede la morte della madre del santo a Ostia. I due sono uno di fronte all'altro con gli occhi che cercano di penetrarsi e di penetrare il mistero dell'esistenza: dall'alto, in un cerchio, dei fasci di luce si irradiano dall'occhio trinitario di Dio sui loro capi, quasi a volerli illuminare e godere la beatitudine dell'eterno. Agostino e Monica sono seduti su una panca, con i vestiti ampi, gli sguardi teneramente rivolti l'uno all'altro. Agostino porta con delicatezza la mano della madre sul proprio petto con un segno di straordinaria sensibilitÓ emotiva. Nel grande nimbo che avvolge le loro teste Ŕ un tripudio di segni e simboli astronomici.

 

Nel viaggio di ritorno da Milano dopo il 387 Agostino e Monica soggiornarono a Ostia in attesa di potersi imbarcare per l'Africa. In questa cittÓ Monica trov˛ la morte, ma prima di morire Agostino ricorda un fatto curioso che li vide protagonisti: un'estasi platonica.

 

10.23. Incombeva il giorno in cui doveva uscire da questa vita - e tu lo conoscevi quel giorno, noi no. Accadde allora per una tua misteriosa intenzione, credo, che ci trovassimo soli io e lei, affacciati a una finestra che dava sul giardino interno della casa che ci ospitava, lÓ nei pressi di Ostia Tiberina, dove c'eravamo appartati lontano da ogni trambusto, per riposarci della fatica di un lungo viaggio e prepararci alla navigazione. Conversavamo dunque assai dolcemente noi due soli, e dimentichi del passato, protesi verso quello che ci era davanti ragionavamo fra noi, alla presenza della veritÓ - vale a dire alla tua presenza. L'argomento era la vita eterna dei beati, la vita che occhio non vide e orecchio non udý, che non affior˛ mai al cuore dell'uomo. Noi eravamo protesi con la bocca del cuore spalancata all'altissimo flusso della tua sorgente, la sorgente della vita che Ŕ in te, per esserne irrigati nel limite della nostra capacitÓ, comunque riuscissimo a concepire una cosý enorme cosa.

- 24. E il nostro ragionamento ci portava a questa conclusione: che la gioia dei sensi e del corpo, per quanto vivida sia in tutto lo splendore della luce visibile, di fronte alla festa di quella vita non solo non reggesse il confronto, ma non paresse neppur degna d'esser menzionata. Allora in un impeto pi¨ appassionato ci sollevammo verso l'Essere stesso attraversando di grado in grado tutto il mondo dei corpi e il cielo stesso con le luci del sole e della luna e delle stelle sopra la terra. E ascendevamo ancora entro noi stessi ragionando e discorrendo e ammirando le tue opere, e arrivammo cosý alle nostre menti e passammo oltre, per raggiungere infine quel paese della ricchezza inesauribile dove in eterno tu pascoli Israele sui prati della veritÓ. LÓ Ŕ vita la sapienza per cui sono fatte tutte le cose, quelle di ora, del passato e del futuro - la sapienza che pure non si fa, ma Ŕ: cosý come era e cosý sarÓ sempre. Anzi l'essere stato e l'essere venturo non sono in lei, ma solo l'essere, dato che Ŕ eterna: infatti essere stato ed essere venturo non sono eterni. Mentre cosý parliamo, assetati di lei, eccola... in un lampo del cuore, un barbaglio di lei. E giÓ era tempo di sospirare e abbandonare lý le primizie dello spirito e far ritorno allo strepito della nostra bocca, dove la parola comincia e finisce. E cosa c'Ŕ di simile alla tua Parola, al Signore nostro, che perdura in se stessa senza diventare vecchia e rinnova ogni cosa?

- 25. "Se calasse il silenzio, in un uomo, sopra le insurrezioni della carne, silenzio sulle fantasticherie della terra e dell'acqua e dell'aria, silenzio dei sogni e delle rivelazioni della fantasia, di ogni linguaggio e di ogni segno, silenzio assoluto di ogni cosa che si produce per svanire" - cosý ragionavamo - "perchÚ ad ascoltarle, tutte queste cose dicono: 'Non ci siamo fatte da sole, ma ci ha fatte chi permane in eterno'; se detto questo dunque drizzassero le orecchie verso il loro autore, e facessero silenzio, e lui stesso parlasse non pi¨ per bocca loro, ma per sÚ: e noi udissimo la sua parola senza l'aiuto di lingue di carne o di voci d'angelo o di tuono o d'enigma e di similitudine, no, ma lui stesso, lui che amiamo in tutte queste cose potessimo udire, senza di loro, come or ora con un pensiero proteso e furtivo noi abbiamo sfiorato la sapienza eterna immobile sopra ogni cosa: se questo contatto perdurasse e la vista fosse sgombrata di tutte le altre visioni di genere inferiore e questa sola rapisse e assorbisse e sprofondasse nell'intima beatitudine il suo spettatore, e tale fosse la vita eterna quale Ŕ stato quell'attimo di intelligenza per cui stavamo sospirando: non sarebbe finalmente questa la ventura racchiusa in quell'invito, entra nella gioia del tuo signore? E quando? Forse quando tutti risorgeremo, ma non tutti saremo mutati ?"

AGOSTINO, Confessioni, 9, 10, 23-25

 

 

JÓnos Hajnal

JÓnos Hajnal Ŕ un maestro d'arte contemporaneo nato a Budapest, ma residente dal 1948 a Roma. Dal 1958 Ŕ cittadino italiano. Il suo interessamento ad Agostino e ad altri santi agostiniani risale al 1991 quando il Postulatore generale dell'Ordine Fernando Rojo Martinez lo contatt˛ tra gli artisti familiari alla galleria d'Arte "L'Agostiniana" presso il convento di S. Maria del Popolo a Roma. Molto personale nello stile, Hajnal ha saputo effondere poesia negli episodi agiografici grazie ad una suggestiva e forte tonalitÓ dei colori.