Percorso : HOME > Iconografia > Cicli > Seicento > Mariette

CICLo AGOSTINIANo con le incisioni di Jean mariette

Agostino esamina se stesso prima di scrivere le Confessioni, immagine dalla stampa di Jean Mariette

Agostino esamina se stesso prima di scrivere le Confessioni

 

 

JEAN MARIETTE

1686

Le incisioni di Jean Mariette per una edizione francese delle Confessioni

 

Agostino esamina se stesso prima di scrivere le Confessioni

 

 

 

Una iscrizione in alto specifica il senso dell'incisione: ibi sum quicumque sum. E' una arrangiamento della frase delle Confessioni: Sed quis adhuc sim ecce in ispo tempore confessionum mearum, et multi hoc nosse cupiunt, qui me noverint, et non me noverunt, qui ex me vel de me aliquid audierunt, sed auris eorum non est ad cor meum, ubi ego sum quicumque sum. Dove c'Ŕ Dio, dunque, lÓ c'Ŕ Agostino. Agostino Ŕ vestito all'antica e si porta le mani al petto: medita profondamente davanti a un pulpito dove Ŕ stato appoggiato, aperto, un grosso libro. Una nube luminosa invade il locale e si mischia con i panneggi.

 

Agostino nelle Confessioni racconta la sua vita, le tappe dell'evoluzione spirituale e le tappe di quando la sua fede Ŕ rinata.

"Ma a chi racconto queste cose? Non certo a te, mio Dio, ma dinanzi a te io racconto ai miei simili, al genere umano, per quanto pochi possano essere coloro che avranno modo di conoscere questo scritto. E a quale scopo lo faccio? Evidentemente perchÚ io e chiunque mi leggerÓ possiamo considerare da quale abisso dobbiamo levare a te il nostro grido. E cosa c'Ŕ di pi¨ vicino alle tue orecchie di un cuore che si confessa a te e di una vita che vive di fede?"

AGOSTINO, Confessioni, 3, 5

 

Le Confessioni di Agostino, come recita il titolo del libro pi¨ famoso da lui redatto (la sua autobiografia religiosa) mostrano in effetti una tale immediatezza nella descrizione delle sue esperienze interiori e umane, che non si pu˛ affatto dubitare di trovarsi di fronte a un'autentica reviviscenza religiosa della veritÓ del messaggio cristiano. In questo testo celeberrimo incontriamo anche un capitolo ... di natura del tutto originale. Vi si ritrova, certo, la stessa retorica appassionata, il medesimo acume argomentativo, e tuttavia viene affrontato un tema che giÓ presso gli scettici aveva da sempre conosciuto una certa notorietÓ. Se si considera, infatti, il messaggio cristiano e la sua origine ebraica nell'Antico Testamento, ci si imbatte sempre in un enigma che attanaglia l'umanitÓ: "Che cosa ci fu, in principio?" - o, pi¨ efficacemente - "Che cosa faceva Dio prima di creare il mondo?"...

 

źIn suis Confessionum libris de se ipso, qualis ante perceptam gratiam fuerit, qualisque iam sumpta viveret designavit. ╗

ź Nelle sue Confessioni racconta di se stesso, quale fu prima di ricevere la grazia e come visse dopo averla ottenuta. ╗

POSSIDIO, vescovo di Calama, Vita di Agostino