Percorso : HOME > Iconografia > Cicli > Novecento > Bessac

CICLI AGOSTINIANI in AFRICA: IPPONA

La partenza di Agostino per Roma

La partenza di Agostino per Roma

 

 

ANTOINE BESSAC

1924

Basilica di sant'Agostino a Ippona

 

La partenza di Agostino da Cartagine per Roma

 

 

 

"Mia madre pianse atrocemente per la mia partenza. Mi seguý fino al mare, quando mi strinse violentemente, nella speranza di dissuadermi dal viaggio o di proseguire con me, la ingannai, finsi di non voler lasciare solo un amico, che attendeva il sorgere del vento per salpare. mentii a mia madre, a quella madre, eppure scampai, perchÚ la tua misericordia mi perdon˛ anche questa colpa ... per˛ si rifiut˛ di tornare indietro senza di me, e faticai per persuaderla di passare la notte nell'interno della chiesuola dedicata a san Cipriano, che sorgeva vicinissima alla nostra nave. Quella notte stessa io partivo clandestinamente, mentre essa rimaneva a pregare e a piangere. La riva scomparve al nostro sguardo la stessa mattina in cui ella folle di dolore riempiva le tue orecchie di lamenti e gemiti."

 

AGOSTINO, Confessioni 5, 8, 15

 

La scena di Bessac interpreta crudamente le parole di Agostino in quel tragico confronto con la madre.