Percorso : HOME > Iconografia > Cicli > Quattrocento > San Gimignano

CICLo AGOSTINIANo di BEnozzo Gozzoli a SAN GIMIGNANO

Agostino lascia Roma e parte per Milano: dal ciclo di affreschi di Benozzo Gozzoli nella chiesa di sant'Agostino a San Gimignano

Agostino lascia Roma e parte per Milano

 

 

BENOZZO GOZZOLI

1465

Chiesa di Sant'Agostino a San Gimignano

 

Agostino lascia Roma e parte per Milano

 

 

 

Agostino a cavallo lascia Roma alle spalle con un seguito di persone e di cavalieri. Il corteo evoca quello dei Re Magi dipinto da Gozzoli qualche anno prima a Palazzo Riccardi. La bellezza dei costumi, la varietÓ dei tessuti, i cappelli, lo stesso Agostino conferiscono al corteo una dimensione senza tempo e nello stesso tempo maestosa. Sullo sfondo Ŕ possibile riconoscere i principali monumenti di Roma, fra cui il Pantheon, la Colonna Traiana ecc. Sulla destra delle belle colline si snodano lungo la strada, che non ricordano certamente la campagna romana.

 

384 d. C.

Grazie al probabile intervento di Simmaco prefetto di Roma, Agostino si trasferisce a Milano residenza dell'imperatore d'Occidente per insegnare retorica alla scuola imperiale. In questa cittÓ ha occasione di conoscere il vescovo Ambrogio che avrÓ, con la Chiesa milanese un ruolo fondamentale nella sua evoluzione spirituale e nella sua conversione al cristianesimo.

 

Perci˛ quando il prefetto di Roma ricevette da Milano la richiesta per quella cittÓ di un maestro di retorica, con l'offerta anche del viaggio sulle vetture di Stato, proprio io brigai e proprio tramite di quegli ubriachi di favole manichee, da cui la partenza mi avrebbe liberato a nostra insaputa, perchÚ, dopo avermi saggiato in una prova di dizione, il prefetto del tempo, Simmaco, m'inviasse a Milano.

AGOSTINO, Confessioni 5, 13, 23

 

Nel frattempo i Milanesi chiesero a Simmaco, prefetto di Roma, che mandasse un maestro di retorica, ed egli mand˛ Agostino.

JACOPO DA VARAGINE, Legenda Aurea