Percorso : HOME > Africa agostiniana > Siti archeologici > Douggha > Statuaria romana

REPERTI ARCHEOLOGICI romani a DOUGGHA

 

  STATUARIA ROMANA DI DOUGGHA

Bassorilievo in stucco che raffigura un busto femminile. Museo del Bardo, sec. III d. C. Piastrella in pietra calcarea, la cui faccia superiore Ŕ una bella rappresentazione in basso rilievo di scene di movimento e di caccia. Pilastro di cancello in pietra calcarea, la cui parte superiore presenta una bassorilievo con scene di caccia. In un campo di grano, un individuo Ŕ inginocchiato davanti a una rete per la cattura di uccelli. Altri uccelli si vedono nella stessa scena. Il reperto deriva da Agbia vicino a Douggha e risale al III secolo d. C.

A sinistra: Bassorilievo in stucco che raffigura un busto femminile. Conservato al Museo del Bardo risale al secolo III d. C.

A centro: Piastrella in pietra calcarea, la cui faccia superiore Ŕ una bella rappresentazione in basso rilievo di scene di movimento e di caccia. Vi si vede un paesaggio accidentato con due levrieri lanciati dai suoi proprietari alla caccia di una volpe. Risale al III secolo d. C. e proviene da Agbia vicino a Douggha. Reperto conservato al Museo del Bardo.

A destra: Piastrella in pietra calcarea, la cui faccia superiore Ŕ una bella rappresentazione in basso rilievo di scene di movimento e di caccia. Vi si vede un paesaggio accidentato con due levrieri lanciati dai suoi proprietari alla caccia di una volpe. Risale al III secolo d. C. e proviene da Agbia vicino a Douggha. Reperto conservato al Museo del Bardo.

 

Pavimento in mosaico che raffigura una scena di corsa di carri nel circo Statua in marmo di un realismo stupefacente

A sinistra: Ritratto di Lucio Vero, fratello adottivo di Marc'Aurelio e suo coimperatore dal 161 al 169 d. C. Si distinse soprattutto per le sue spedizioni contro i Parti fra il 161 e il 166 d. C. Eseguita con grande perizia ed abilitÓ tecnica, il ritratto colpisce per la finezza dei tratti della barba e dei capelli. Museo del Bardo

A destra: Statua in marmo di un realismo stupefacente. Rappresenta un personaggio in piedi vestito di una toga e abbigliato con una corona, attributo caratteristico dei geni protettori delle cittÓ. Ai suoi piedi Ŕ posta una scatola che contiene dei rotoli di pergamene. Si tratta forse del genio della cittÓ di Douggha ? Risale al III secolo d. C. (Museo del Bardo)

 

Testa del dio Pan vista di profilo: II sec. a. C. Frammento di un bassorilievo in stucco che raffigura una atleta vestita con una specie di bikini Statua di satiro ubriaco che si appoggia contro un albero. Ai suoi piedi sta accucciata una pantera. Museo del Bardo

A sinistra: Testa del dio Pan vista di profilo: II secolo a. C.

Al centro: Frammento di un bassorilievo in stucco che raffigura una atleta vestita con una specie di bikini. Museo del bardo, datato III secolo d. C.

A destra: Statua di satiro ubriaco che si appoggia contro un albero. Ai suoi piedi sta accucciata una pantera. Museo del Bardo