Percorso : HOME > Iconografia > Cicli > Settecento > Indersdorf

CICLo AGOSTINIANo di Gunther Matthaus a Indersdorf

Agostino prega

Agostino prega

 

 

GUNTHER MATTHAUS

1755

Indersdorf, chiesa Assunzione di Maria

 

Agostino prega

 

 

 

In piedi davanti a un tavolo, Agostino vescovo, posa la mano destra su un libro posto dietro di lui, mentre leva in alto l'indice sinistro. Sembra quasi che voglia rivolgersi a un gentiluomo seduto davanti a lui con le gambe incrociate. Questi ha gli occhi abbassati, la mano destra levata come in un gesto di accoglienza della parola. I numerosi personaggi presenti ascoltano attentamente Agostino.

 

Uno degli aspetti messi in rilievo dagli iconografi del santo, da solo o assieme ad altri, Ŕ la sua attitudine alla preghiera. Per Agostino essa era strumento per parlare con Dio ed avvicinarsi ai misteri della Incarnazione, oltre che mezzo per esprimere pienamente la propria umanitÓ. La preghiera Ŕ anche il modo per rapportarsi agli uomini cercando di stimolarli ad avvicinarsi a Dio.

 

2. 2. Soprattutto, quindi, fratelli, ad esempio di questo Martire, impariamo ad amare i nostri nemici. L'esempio ci Ŕ stato offerto da Dio Padre, che fa sorgere il sole su buoni e malvagi. Questo ha detto pure il Figlio di Dio, in seguito alla sua Incarnazione, con la bocca della sua carne che assunse per amore dei suoi nemici. Infatti, egli che ama i suoi nemici venne al mondo e trov˛ suoi nemici proprio tutti, non trov˛ alcun amico. Per i nemici vers˛ il sangue: con il suo sangue, per˛, convertý i nemici. Cancell˛ con il suo sangue i peccati dei suoi nemici: cancellando i peccati, da nemici li rese amici. Anche Stefano era uno dei suoi amici: anzi, lo Ŕ e lo sarÓ. Tuttavia, per primo, il Signore stesso mostr˛ sulla croce quello che prescrisse. Infatti, mentre i Giudei, da ogni lato, gridavano sdegnati, erano furenti, dileggiavano, ingiuriavano, crocifiggevano, disse: Padre, perdona loro, perchÚ non sanno quello che fanno. ╚ la cecitÓ infatti a crocifiggermi. La cecitÓ crocifiggeva: ma il Crocifisso, del suo sangue, faceva un collirio per loro. Esempio di Santo Stefano. Il Vangelo: documento e testamento.

2. 3. Ma ci sono uomini restii al precetto, avidi del premio che non amano i loro nemici, ma pretendono di potersi vendicare di loro, nÚ fanno caso che, se il Signore avesse voluto vendicarsi dei suoi nemici, non sarebbe rimasto nessuno a lodarlo. Quando ascoltano questo passo del Vangelo, secondo il quale il Signore disse sulla croce: Padre, perdona loro, perchÚ non sanno quello che fanno, si dicono: Egli ha potuto in quanto Figlio di Dio, in quanto Unigenito del Padre. Sulla croce pendeva un corpo, ma all'interno si celava Dio. Ma che siamo noi per fare queste cose? Ingann˛ chi diede il precetto? Lungi da noi: non ingann˛. Se ritieni sia troppo per te imitare il tuo Signore, bada a Stefano, tuo conservo. Cristo Signore Ŕ il Figlio Unigenito del Padre, lo Ŕ forse anche Stefano? Cristo Signore nacque da una vergine intemerata: anche Stefano forse? Cristo Signore venne in una carne immune da peccato, ma simile alla carne del peccato 4: forse anche Stefano? Nacque come sei nato tu; donde tu sei nato egli nacque; ebbe nuova vita da colui dal quale anche tu l'hai ricevuta; fu redento allo stesso prezzo versato per te; vale tanto quanto tu vali. Ci Ŕ stato procurato un documento. Il Vangelo Ŕ il documento, dove risulta che tutti siamo stati comprati: come lui, anche tu. ╚ documento in quanto siamo servi; Ŕ testamento perchÚ siamo figli. Tieni conto di lui, osserva il tuo conservo.

AGOSTINO, Discorso 317, 2, 2-23 Sul Martire Stefano