Percorso : HOME > Iconografia > Cicli > Trecento > Erfurt

CICLo AGOSTINIANo di ERFURT

Agostino e la TrinitÓ

Agostino e la TrinitÓ

 

 

MAESTRO VETRAIO DI ERFURT

(1316 - 1324)

Chiesa di sant'Agostino

 

Agostino medita in estasi sulla TrinitÓ

 

 

 

Agostino Ŕ raffigurato con gli attributi di vescovo. A sinistra su uno scrittoio Ŕ deposto in chiave ideologica un libro a rappresentare la scienza umana e la sua capacitÓ di scrutare il mistero.

Hatge e Rentsch sostengono invece che la scena rappresenti la leggenda secondo cui Agostino avendo prestato al diavolo il libro dei vizi, si accorge un giorno di aver dimenticato la recita della compieta. Gli chiede di aspettare, va a pregare in chiesa, ma quando ritorna trova una pagina bianca.

 

 

D'altra parte fuori di te non esisteva nulla, da cui potessi trarre le cose, o Dio, TrinitÓ Una e TrinitÓ trina. Perci˛ creasti dal nulla il cielo e la terra ... Tu sei onnipotente e buono, per fare tutto buono, il cielo grande, come la piccola terra. C'eri tu e null'altro.

AGOSTINO, Confessioni 12, 7, 7

 

[...] Inoltre, partendo dalla creatura, opera di Dio, ho cercato, per quanto ho potuto, di condurre coloro che chiedono ragione di tali cose, a contemplare con l'intelligenza, per quanto era loro possibile, i segreti di Dio per mezzo delle cose create e ho fatto particolarmente ricorso alla creatura ragionevole e intelligente, che Ŕ stata creata ad immagine di Dio, per far loro vedere, come in uno specchio, per quanto lo possono e, se lo possono, il Dio TrinitÓ, nella nostra memoria, intelligenza e volontÓ. Chiunque, con una intuizione viva, vede che queste tre potenze, in virt¨ di una intenzione divina, costituiscono la struttura naturale del suo spirito; percepisce quale cosa grande sia per lo spirito il poter ricordare, vedere, desiderare la natura eterna ed immutabile, la ricorda con la memoria, la contempla con l'intelligenza, l'abbraccia con l'amore, certamente vi scopre l'immagine di quella suprema TrinitÓ. Per ricordare, vedere, amare quella suprema TrinitÓ deve ad essa riferire tutto ci˛ che vive perchÚ tale TrinitÓ divenga oggetto del suo ricordo, della sua contemplazione e della sua compiacenza. Tuttavia ho mostrato, per quanto mi sembrava necessario, che questa immagine che Ŕ opera della stessa TrinitÓ, che Ŕ stata deteriorata dalla sua propria colpa, si deve evitare di compararla alla TrinitÓ come se le fosse in tutto simile, ma si deve vedere anche una grande dissomiglianza in questa tenue somiglianza.

AGOSTINO, De Trinitate, XV, 39