Percorso : HOME > Iconografia > Cicli > Trecento > Erfurt

CICLo AGOSTINIANo di ERFURT

A Cartagine Agostino si imbarca per Roma

A Cartagine Agostino si imbarca per Roma

 

 

MAESTRO VETRAIO DI ERFURT

(1316 - 1324)

Chiesa di sant'Agostino

 

Agostino si imbarca per Roma

 

 

 

Agostino e un amico, seduti di fronte su una barca, che occupano interamente, lasciano l'Africa per recarsi a Roma. Dietro di essi, in lontananza, sulla riva, si scorge Monica con il viso distrutto dalle lacrime. Agostino Ŕ a destra e stende la mano con una gesto di fatalismo: ha un cappuccio in testa che lo avvolge completamente.

A sinistra il suo compagno gira la testa e mostra un'espressione preoccupata, ben diversa dalla serenitÓ di Agostino.

Il mare Ŕ rappresentato da strisce parallele che si dispongono sotto la barca, le cui estremitÓ sono ornate da due teste di animali. La partenza di Agostino Ŕ un episodio abituale. A Erfurt compare per la prima volta.

 

 

Fu dunque per la tua azione verso di me che mi lasciai indurre a raggiungere Roma e a insegnare piuttosto lÓ ci˛ che insegnavo a Cartagine. Non tralascer˛ di confessarti cosa m'indusse a tanto, perchÚ anche in questa circostanza si deve riconoscere e proclamare l'occulta profonditÓ e l'indefettibile presenza della tua misericordia verso di noi. A raggiungere Roma non fui spinto dalle promesse di pi¨ alti guadagni e di un pi¨ alto rango, fattemi dagli amici che mi sollecitavano a quel passo, sebbene anche questi miraggi attirassero allora il mio spirito. La ragione prima e quasi l'unica fu un'altra. Sentivo dire che laggi¨ i giovani studenti erano pi¨ quieti e placati dalla coercizione di una disciplina meglio regolata; perci˛ non si precipitavano alla rinfusa e sfrontatamente nelle scuole di un maestro diverso dal proprio, ma non vi sono affatto ammessi senza il suo consenso. invece a Cartagine l'eccessiva libertÓ degli scolari Ŕ indecorosa e sregolata. Irrompono sfacciatamente nelle scuole e col volto, quasi, di una furia vi sconvolgono l'ordine instaurato da ogni maestro fra i discepoli e commettono un buon numero di ribalderie incredibilmente sciocche.

AGOSTINO, Confessioni 5, 8, 14

 

Mia madre pianse atrocemente per la mia partenza. Mi seguý fino al mare, quando mi strinse violentemente, nella speranza di dissuadermi dal viaggio o di proseguire con me, la ingannai, finsi di non voler lasciare solo un amico, che attendeva il sorgere del vento per salpare. Mentii a mia madre, a quella madre, eppure scampai, perchÚ la tua misericordia mi perdon˛ anche questa colpa ... per˛ si rifiut˛ di tornare indietro senza di me, e faticai a persuaderla di passare la notte nell'interno della chiesuola dedicata a san Cipriano, che sorgeva vicinissima alla nostra nave. Quella notte stessa io partivo clandestinamente, mentre essa rimaneva a pregare e a piangere. La riva scomparve al nostro sguardo la stessa mattina in cui ella folle di dolore riempiva le tue orecchie di lamenti e gemiti.

AGOSTINO, Confessioni 5, 8, 15

 

La madre lo seguý fino al porto per trattenerlo o per seguirlo, ma egli di soppiatto la notte partý. Gemette la madre quando la mattina appresso lo seppe, e da allora andava mattina e sera in chiesa a pregare per lui.

JACOPO DA VARAGINE, Legenda Aurea