Percorso : HOME > Iconografia > Cicli > Trecento > Erfurt

CICLo AGOSTINIANo di ERFURT

Agostino consegna la Regola ai monaci

Agostino consegna la Regola ai monaci

 

 

MAESTRO VETRAIO DI ERFURT

(1316 - 1324)

Chiesa di sant'Agostino

 

Agostino consegna la Regola

 

 

 

M. Rentsch crede che questo medaglione rappresenti l'episodio di Firmus manicheo che Agostino riuscý a convertire con un sermone. Qui verrebbe a trovare Agostino. L'episodio Ŕ descritto da Possidio: tuttavia sembra pi¨ verosimile che la scena rappresenti la consegna ai monaci della sua Regola. In effetti Agostino Ŕ vestito da vescovo ed Ŕ in atteggiamento di consegnare un libro ad una persona, che Ŕ vestita da monaco.

Il monaco stesso mostra profonda attenzione e riverenza verso Agostino accettando a mani giunte, quasi con un gesto di preghiera il libro che gli viene consegnato. L'episodio della consegna della Regola Ŕ alquanto comune nei cicli iconografici.

 

Progredendo intanto l'insegnamento divino, coloro che nel monastero servivano a Dio sotto la guida del santo Agostino e insieme con lui, cominciarono ad essere ordinati preti della chiesa di Ippona.

11. 2. CosÝ di giorno in giorno s'imponeva e diventava pi˙ evidente la veritÓ della predicazione della chiesa cattolica, e cosÝ anche il modo di vita dei santi servi di Dio, la loro continenza e assoluta povertÓ: perci˛ dal monastero che quel grande uomo aveva fondato e fatto prosperare con gran desiderio (varie comunitÓ) cominciarono a chiedere e ricevere vescovi e chierici, sÝ che allora prima ebbe inizio e poi si afferm˛ la pace e l'unitÓ della chiesa.

11. 3. In fatti circa dieci uomini santi e venerabili, continenti e dotti, che io stesso ho conosciuto, il beato Agostino, richiesto, dette a diverse chiese, alcune anche molto importanti.

11. 4. D'altra parte costoro, che dal loro santo modo di vita venivano a chiese di Dio diffuse in vari luoghi, si dettero ad istituire monasteri, e poichÚ cresceva lo zelo per l'edificazione della parola di Dio, preparavano a ricevere il sacerdozio fratelli, che furono messi a capo di altre chiese.

POSSIDIO, Gesta Augustini 11, 1-4